Progetto "sofferenze mentali e cura"

Nel Liceo delle Scienze Umane viene attivato, in classe quarta, il progetto "Sofferenze mentali e cura", finalizzato ad una sensibilizzazione profonda sulle tematiche del disagio e delle sofferenze mentali, che superi la logica degli stereotipi e della stigmatizzazione e consenta di comprendere una dimensione che troppo spesso viene banalizzata.

Nel contesto di questo progetto ogni anno il dott. Mario Ballantini tiene una conferenza centrata su tematiche diverse afferenti a questo tema generale (cfr. i link qui sotto riportati) ed il prof. Luca Curtoni tiene seminari di approfondimento della psicanalisi lacaniana.

Apri qui i video di alcune conferenze del prof. Mario Ballantini: Oltre i pregiudizi e la paura per un benessere condiviso, La depressione, La mente difettosa ed il cacciavite dello psichiatra

Anche nell'a.s. 2021-2022 la tradizionale conferenza del dott. Ballantini ha dato avvio, come ormai da tradizione, al progetto "Sofferenze mentali e cura". Il progetto è articolato in quattro parti. Dopo la conferenza di Ballantini, che risponde al bisogno di illustrare la figura dello psichiatra e di entrare quindi nel mondo della sofferenza mentale attraverso la via costituita dalla nosografia medica e dall'analisi dei meccanismi bio-chimici che regolano il funzionamento cerebrale (e farmacologico), il progetto si snoda proponendo, sempre agli studenti delle classi quarte del Liceo delle Scienze umane, un Laboratorio di costruzione del caso clinico, nel quale, partendo dall'analisi di un caso attinto dalla letteratura clinica, il prof. dott. Luca Curtoni, attraverso una didattica laboratoriale, illustra quali sono le coordinate che guidano uno psicoterapeuta di formazione psicoanalitica nella cosiddetta "costruzione" del caso. Gli ultimi due momenti caratterizzanti il progetto e destinati alle classi quinte del Liceo delle scienze umane, sono la visita guidata all'ex-OP (da quest'anno preceduta da un incontro ad hoc con l'infermiera referente) e l'effettuazione di un micro-stage presso il CPS e il CRA. Sarà quindi Giuseppina Uboldi, infermiera coordinatrice della attuale struttura a raccontare e mostrare, accompagnando le classi nei suoi vari padiglioni, l'organizzazione e il funzionamento della vecchia struttura nosocomiale e lo storico passaggio, da lei effettivamente vissuto, all'odierno CPS. A coronamento dell'intero progetto, quattro alunni per ognuna delle tre classi quinte potranno partecipare a un'esperienza di stage e trovare in questo modo la possibilità di declinare molto concretamente i diversi concetti teorici acquisiti nel corso dei cinque anni curricolari. La portata dirompente che questa esperienza suscita generalmente negli alunni è testimoniata dall' elevatissimo numero di richieste pervenute.

Apri qui un video dell'incontro con il dott. Ballantini e la dott.ssa Pisano sulla depressione